[Recap 03/01/2021] Commissioni Cittadine

Discussioni inerenti la Squadra 1 (sq1). La Squadra Storica è composta in larga parte dai giocatori più anziani di VK.NET ed è quella che contribuisce maggiormente alla progressione della storia di Seràl.

Moderator: Ninja

Post Reply
Akuman
Postatore LV9
Posts: 376
Joined: 23.06.2008 12:32

[Recap 03/01/2021] Commissioni Cittadine

Post by Akuman »

Finito il piacevole incontro con gli Zoroin decidiamo di andare come previsto da Joanna a consegnarle la Goccia di Fuoco Pura che aveva richiesto.
La donna si dimostra molto felice del nostro successo (chissà cosa dovrà farci), mentre Hife (la persona che segue i conti della casa) un pò meno.
Joanna ci ricompensa con 10M e promette di renderci tutte le pozioni consumate durante gli scontri contro gli Elementali.
Sospel e Rrawia rimangono alla Casa dei Piaceri per approfittare dei lussuosi bagni [insert query here se volete], mentre Folko e Astrid stremati e assonnati preferiscono tornare in locanda per riposare.
La mattina dopo Folko si alza prima del'alba per andare a chiedere consiglio a Jalaum su quell'essere che ha detto di chiamarsi Elmerion [il risultato si trova nel post precedente], per tornare in locanda in tempo per colazione e unirsi al gruppo prima di andare tutti insieme all'Accademia.
Rrawia ci informa che Joanna ha avuto dei problemi col clan D'za Doryen e che probabilmente potrebbe aiutarci se dovessimo chiedere il suo aiuto.
Decidiamo di risolvere la faccenda per conto nostro (fondamentalmente ignorando il loro invito a presentarsi alla loro dimora entro la fine della giornata), sperando che non si facciano più rivedere, ma teniamo a mente che Joanna nel caso potrebbe aiutare.

Andiamo allo studio del Maestro Odonka, impegnato come al solito con i suoi studenti durante la mattinata.
Purtroppo Gwinne non era nel suo studio, quindi non abbiamo potuto farla partecipare alla chiaccherata.
Attendiamo una mezz'oretta in coda ed entriamo dal Maestro.
Riferiamo ad Odonka di quanto abbiamo visto, e il Maestro si dimostra immensamente interessato alle nostre parole.
Ci mostra un'immagine in un vecchio libro risalente a 200 anni prima, dove riconosciamo la stessa figura che è apparsa dinnanzi a noi.
Il resoconto del Mago che assistette (Felis Duwich) non parlava però di alcuna comunicazione con l'essere.
Odonka quindi cerca di farci capire la teoria di quello che abbiamo assistito [la copio integrale per referenze future].
"Dunque. Come sappiamo, quando evochiamo un elementale, ciò che facciamo è rinchiudere uno spirito elementale in un guscio fatto della sua stessa materia."
"Lo facciamo in modo che lo spirito sia confortevole e bendisposto ad aiutarci, e possa sopravvivere qui nella nostra dimensione."
"Il mondo in cui ci troviamo, tutto ciò che è attorno a noi, qualsiasi cosa, proviene dal Flusso."
"Tutti noi siamo fatti di materia elementale, che viene dal Flusso."
"Infatti se ci osserviamo in un osservatorio elementale, possiamo vedere tutti gli elementi della vita attorno a noi."
"Ad ogni modo. Il mondo in cui noi ci troviamo è al centro di una sorta di... chiamiamo cipolla di dimensioni. Noi siamo nella più interna di tutte."
"Gli arcanisti e anche voi preti, chiamiamo questa dimensione il Cuore, perchè è al centro."
"Attorno al cuore, proprio come in una cipolla, sono avviluppati degli strati di materia elementale molto diversi, ovvero le dimensioni parallele alla nostra."
"Tutta questa intera cipolla, che si chiama Sfera, così posso smettere di chiamarla cipolla, è diciamo... appesa al Flusso."
"E' come se il Flusso fosse una grande vasca, piena di elementi turbolenti. Però ha dei buchi, e dai buchi penzolano queste sfere che sono fatte di elementi rappresi."
"Dunque, quando noi evochiamo un elementale, lo facciamo "prendendo in prestito" uno spirito da una dimensione parallela alla nostra."
"In realtà, a causa di alcuni tecnicismi davvero poco importanti, il passaggio tra la Sfera in cui ci troviamo e il Flusso è del tutto precluso. Non abbiamo nessun modo di raggiungere il Flusso."
"Questo è un limite che sanno valicare solo le divinità e demoni incredibilmente potenti."
"Quindi, quando noi evochiamo un elementale, lo facciamo da una dimensione parallela, catturando uno spirito elementale con la magia... Eccetto in un caso."
"Quando noi non catturiamo uno spirito elementale ma CREIAMO un elementale tramite un processo artificiale di condensazione, oppure per autogenerazione attraverso un luogo ad alta concentrazione elementale, non stiamo prendendo uno spirito da una dimensione parallela."
"Quando noi creiamo un elementale, da dove viene l'energia con cui lo creiamo?"
"L'ambiente circostante fornisce GRAN parte dell'energia necessaria."
"Quasi tutta per la verità. Ma solo QUASI tutta."
"Una piccolissima frazione viene invece sottratta da quello che si chiama il Confine Elementale. Ovvero il bordo tra il Cuore e le dimensioni più vicine. Che sono tra l'altro proprio quelle più basilari. Fuoco, Acqua, Aria, Terra."
"Ipotizzo che questa creatura chiami il Confine, l'Origine, ma io mi aspetto che stia parlando di questo."
"Fino a questo momento, il Confine era ritenuto un ambiente sterile, disabitato e privo di energia vitale. Ciò che ci dite potrebbe dimostrarci il contrario."
"Il motivo per cui si sia manifestata mi è ovviamente ignoto. Ipotizzando che questa forma elementale abbia un qualche tipo di coscienza, è stata attirata al Cuore da qualcosa."
"Se la mia teoria è corretta, ci troviamo di fronte a un fenomeno di autogenerazione, solo che invece di presentarsi nel Cuore, si è verificato a un livello più alto."
"L'autogenerazione è il fenomeno per il quale si crea un elementale da un luogo di grande concentrazione elementale. Nel Regno Oscuro è un fenomeno relativamente frequente, in superficie è piuttosto raro."

Folko afferma che il suo Sirindal l'ha riconosciuto come un Elementale, ma senza averlo mai visto prima.
Odonka sembra concordare.
Folko inoltre fornisce ad Odonka il responso datogli da Jalaum sulla creatura, in modo che il Maestro possa recapitarlo al Consiglio dei Saggi, insieme al disegno del simbolo visto sulla fronte di Elmerion fatto da Sospel.
Folko chiede se - in quanto espressione massima di queste creature - i Padri Elementali potrebbero saperne qualcosa di più. Odonka ritiene che sia possibile.
Usciti dall'Accademia non abbiamo impegni particolari. Folko e Sospel vanno in Biblioteca a studiare, Astrid ha il suo appuntamento con O'te'th mentre Rrawia - dopo aver accompagnato i due Maghi alla Biblioteca - torna in locanda per studiare il Libro Scarlatto, un libro generalmente studiato da chi intende seguire la dottrina di Suarve.

[TIME SKIP, SIAMO AL 11/12]
Sentiamo che è stata avvistata una flotta di navi provenienti da Tolaria vicino alla Capitale.
Le notizie sono del tutto inconcludenti, qualcuno parla di battaglia navale, qualcuno no.
Non ne sentiamo più parlare.

[TIME SKIP, SIAMO AL 15/12]
Ritiriamo gli Oggetti Incantati commissionati. Folko ritira la sua Armatura Serpente e il Ciondolo di Repulsione della Non-Morte, Rrawia il suo Velo incantato e Astrid l'Armatura Drago.
[Sospel dovrebbe ritirare pure la sua fiaschetta per le pozioni, se l'ha già concordata con Ninja]
Il clan D'za Doryen non si è più fatto sentire.

[QUERY - 06/12]
Folko va da Joanna, alla Casa dei Piaceri.
Dopo qualche minuto di convenevoli e fingendo di saperne qualcosa di Thè Zoroin, Folko rivela il motivo della visita di piacere.
Non volendo andare fino a Kellia in una missione suicida per parlare con i Padri Elementali, ha ben pensato di chiedere a Duo, il quale sappiamo essere stato un frequentatore della Corte dei Padri Elementali (fino a quando non ha preso la piacevole abitudine di ucciderli per assorbirne il potere).
Joanne sembra sorpresa dalla richiesta del Prete ma acconsente a farlo parlare col suo Demone, quindi entra in una porta oltre la quale si vede esclusivamente una totale oscurità.
Oltrepassata la porta Folko si ritrova in una zona indistinta, con dell'erba verde-grigia tutta attorno.
Joanna intima al Prete di restare sempre sull'erba, mentre parla con Duo ordinandogli di rispondere alle domande di Folko.
Intanto l'erba sta cominciando a polverizzarsi, facendo intuire che il tempo a disposizione è limitato.
"Duo, chi è Elmerion ?"
<Duo> "Elmerion? E chi è, un tuo amico?"
<Duo> *sbuffa, incrociando le braccia* "Uno spirito fastidioso."
<Duo> "E incredibilmente stupido, tra l'altro."
"Qual'è il suo scopo ? Cosa vuole ?"
<Duo> "E' stupido, e vuole cose stupide."
<Duo> "E' un padre elementale decaduto, espulso dagli altri. Vive come un parassita ai confini degli altri domini. Quando voi piattole create un elementale, lo fate con un pezzo di Elmerion. Si sarà finalmente svegliato dalla sua stupidità!" *ride sguaiatamente*
<Duo> "D'altra parte, quando si è deboli ed inferiori, si fa questa giusta fine. Come te, donnetta."
<Folko> "Vuole riunirsi a tutte le sue parti, cosa accadrà quando ci riuscirà ?"
<Duo> "Nulla, è una creatura stupida e inetta. Trattatelo come il parassita che è. Uno scarto."
Joanna infine commenta che Duo non è generalmente un bugiardo, quindi ha probabilmente legato delle verità a delle mezze bugie, omettendo probabilente qualche dettaglio fondamentale.
Duo inoltre ritiene l'intero cosmo inferiore ad esso, quindi tutto ciò che ha detto deve essere interpretato in tal senso.
Dopo uno scambio di battute Joanna si dice più che disponibile ad aiutare con la situazione dei D'za Doryen (che intanto non si sono fatti più sentire), ma la sua offerta viene gentilmente declinata - almeno temporaneamente - da Folko.
Folko scambia ancora qualche battuta con Joanna e infine toglie il disturbo.

[QUERY 07/12]
Folko va al Tempio di Jalaum per assistere alla cerimonia di Rafael, di fronte alla grande statua di Jalaum al Tempio del Quartiere Blu.
La cerimonia è abbastanza banale, ma c'è un piccolo rinfresco di qualità decisamente scadente.
Parlando con Rafael si scopre che Sua Maestà il Principe sta avedo un approccio decisamente più attivo nella guerra, si parla di grandi (e rischiosi) piani, fra cui quello di bruciare l'intero bosco vicino al Passo per impedire agli Orchi di usarlo per nascondersi.
Successivamente parla con Albert (che passa l'intera conversazione a mangiare, chissà che merda mangia di solito) e Daliem (il Prete organizzatore del catering) che dice di non essere particolarmente soddisfatto del Forno Welk da cui si è rifornito.
[Mission unlock per Folko: andare a uccidere il panettiere del Forno Welk per l'oltraggio subito, oppure trovare un posto migliore da cui rifornirsi per le prossime cerimonie].
Sembra si stia creando due correnti di pensiero diverse all'interno dell'esercito, fra i Militaristi (ossia quelli che vogliono andare a sbragare tutto, capitanati dal Principe) e i Protezionisti (quelli che preferirebbero una difesa statica, per non mettere un eccessivo pericolo il capitale umano della città).
Il Comandante Abel intanto è stato riassegnato al comando della sua guarnigione, la Guardia Bianca, dove potrà al meglio impiegare i suoi talenti come fuciliere (ossia l'hanno declassato).

[QUERY 07/12]
Folko va a trovare Marbek.
I Nani lo informano che si stanno preparando per una festa tradizonale nanica: Wurtindermiren, la festa dell'inverno.
Marbek è molto contento di ricevere il Libro dell'Elementale di Cenere in prestito e conta di riuscire ad ultimare i suoi studi - fra un impegno ed un altro - nel giro di 3 settimane.
Ci informa inoltre che quella richiesta di taglia scaduta per lo Sciamano Troll verrà consegnata al Tribunale l'indomani mattina [quindi per il 15 direi che potremmo pure avere i soldi Nin].
E' vagamente preoccupato per la situazione delle Pozioni, in quanto la città ha ampie scorte ma questa stanno lentamente diminuendo. Per questo motivo l'esercito di sta applicando al massimo per la riconquista della pianura Prasiana a nord della città, in modo da avere più terreno coltivabile.
Uscendo, Folko prende accordi con Garak per aggiornarsi il 15 o il 16 (se i Nani saranno in città) per una taglia o per utilizzare la Chiave di Fais.

[QUERY 07/12]
Dopo essere stato al Tempio di mattina e dai Nani di pomeriggio, di sera Folko va a trovare Ao'th e Li'qaj.
Durante la chiaccherata iniziale Li'qaj si assenta un attimo in quanto pare che il suo Prete (seguace di Marel, quella vera, non "Marel") non si senta molto bene dal giorno prima.
Folko va a dare una mano, e sospettando una qualche malattia decide prima di proteggersi da un eventuale contagio e successivamente di esaminare approfonditamente il Fratello.
Scopre cosi che questo è stato avvelenato, probabilmente con un veleno noto come Ultima Cena (di cui avevamo già sentito parlare). Fortunatamente il Prete ha le conoscenze necessarie per curare lo Zoroin e questo sembra stare già molto meglio.
Folko e Li'qaj lasciano Ne'thi'n riposare e tornano di sopra da Ao'th.
Sembra che Ne'thi'n sia un pò una testa calda, soprattutto relativamente al Tempio di Marel del Quartiere Nero.
Infatti pare che al Tempio non forniscano supporto ai propri seguaci, se questi non si asservono alle Vestali.
Il Tempio stesso pare sia stato ormai da tempo infliltrato dalle Vestali.
Tutto ciò lascia Folko sconvolto e porta ad una discussione con Ao'th su come il problema dovrebbe essere risolto.
Li'qaj andrà a comprare degli antidoti, qualora questo dovessere succedere un'altra volta.

Folko chiede un parere sulla situazione del clan D'za Doryen. Li'qaj e Ao'th sono concordi nel dire che sono gente pericolosa, ma fondamentalmente come tutti gli Zoroin dei gran codardi.
Se penseranno di avere vita facile continueranno a cercarci, mentre se ci dimostreremo più fastidiosi di quanto loro abbiano voglia di sopportare ci lasceranno in pace.
Dipenderà anche da quanto realmente vogliono trovare i due Gemelli Sarti.
Folko lascia anche 2C a Li'qaj per comprargli degli Antidoti vari, qualora dovessero servire se questi penserano di avvelenare qualcuno.
[Il 15 quindi dovemmo averli, allocali a Astrid Nin per favore, che lei è Immune]
Ao'th insegna anche a Folko un modo per insultarli (lol): Ok'tzea, Ratti in Zoroin. Pare sia un insulto per gente come quella.
Asu sono Fedragon !
Post Reply