[Recap 17/03/2024] Sestodì 935 - Sassi e Piante

Discussioni inerenti la Squadra 1 (sq1). La Squadra Storica è composta in larga parte dai giocatori più anziani di VK.NET ed è quella che contribuisce maggiormente alla progressione della storia di Seràl.

Moderator: Ninja

Post Reply
User avatar
ZCaotica
Postatore LV10
Posts: 558
Joined: 01.08.2001 1:00
Location: Roma
Contact:

[Recap 17/03/2024] Sestodì 935 - Sassi e Piante

Post by ZCaotica »

La colazione viene animata dall'arrivo di un regalo per Fyre: Una costosa bottiglia di vino e un biglietto magico con delle stelle che lo animavano.
La mittente è chiaramente identificata in Ultia e ma lui si giustifica dicendo che la maga non è capace di chiedere scusa.

Riflettendo sul da farsi, dopo la terribile esperienza delle segrete culminata con la morte di Shuravi, decidiamo che forse stavamo un po' esagerando e che è il caso di abbassare il profilo delle nostre missioni, almeno per il momento.
Scegliamo quindi di andare a caccia di elementali per raccoglierne le energie e farci quando soldo e ci rechiamo quindi a nord, oltre il castello dove sono segnalati alcuni nodi.
Strada facendo vediamo dei cartelli che indicano che un gruppo di valorosi sta affrontando il drago (più tardi sentiremo le sue urla) e le indicazioni sono di tenersi alla larga dalla zona del lago... come se ci fosse bisogno di dirlo.

Seguiamo quindi tutto il sentiero senza addentrarci nella letale foresta colorata fino allo spiazzo indicato dalla mappa.
Qui effettivamente sono presenti diversi gruppi di valorosi che si cimentano con elementali di diversa natura ma riusciamo a trovare uno spazio libero dove metterci.
Il Nodo è di terra e veniamo subito attaccati da 5 elementali minori.
Sono molto resistenti e non facciamo in tempo a sbarazzarcene che uno più grande si fa avanti.
Dobbiamo impegnarci un po' ma alla fine riusciamo ad avere la meglio anche di lui e di un suo gemello arrivato in suo aiuto.
Ma il tutto alla fine risulta abbastanza noioso, così decidiamo di andare a cercare altro.

Proseguendo ancora lungo il sentiero scorgiamo, nascosto nel bosco, quello che potrebbe essere un gazebo con dentro un marchio del Sovrano.
La struttura, coperta di edera, è separata dalla strada da pochi metri di bosco, ma comunque troppi per sperare di raggiungerla camminando.
Evochiamo quindi un elementale di aria per farci trasportare volando fin lì e poi sperare di riuscire ad entrare.
Ciao da R."Zanzara Caotica"D.N.
Post Reply