RECAP 504

Discussioni riguardanti la Squadra 8.

Moderator: Buzz Zeal The Power Lord

Post Reply
User avatar
Johanne
Principiante LV2
Posts: 22
Joined: 24.07.2020 17:40

RECAP 504

Post by Johanne »

Mi ero fermata a raccontare della mia umiliazione dopo essere non solo stata beccata in un momento critico a guardare roba frugale come degli orecchini di cui non mi era mai importato nulla fino a poco tempo fa, ma anche a mentire per nascondere la cosa, che è decisamente peggio...avrei dovuto dire la verità e basta.
Bene! Perchè le cose non faranno altro che peggiorare. Ma andiamo con ordine.

Dopo l'acquisto degli orecchini, il piano per la giornata aveva in previsione il passaggio per l'unica taverna cittadina, ma Jawar ancora una volta ha idee strane all'ultimo momento. Dopo qualche discussione sull'accettare o meno la sua proposta, alla fine ci fidiamo dei professionisti, che a quanto pare sono sulla stessa lunghezza d'onda: l'ideatore del piano e Kelen.

L'idea di Jawar prevede l'attirare l'attenzione su se stesso compiendo vari furti all'interno della città in modo da sviare i sospetti da noi, che dalla nostra parte avremo la testimonianza di tutti i presenti alla locanda...dopotutto non potremmo essere in due posti allo stesso tempo, ed essendo Jawar un recidivo ed un ricercato di una certa importanza, la priorità passerà a lui, e noi potremo muoverci più liberamente...onestamente ho le mie perplessità su questo piano, e queste perplessità sono molte, ma dopotutto mi sono già accorta più volte di non essere altro che una ragazzina senza esperienza o reali capacità di questo genere, quindi in questo caso avere la presunzione di anche solo pensare di poter dire a loro come fare ciò che fanno da tutta la vita sarebbe davvero arrogante e stupido da parte mia. Non mi resta che apprendere da loro e far mio ciò che imparo.

Arrivare alla locanda con il preciso scopo di attirare l'attenzione e recitare una parte in modo da essere scagionati mi rende alquanto nervosa...e se lo capissero? E se sembrassi troppo artificiale? Deglutisco, mi schiarisco la gola. Santo cielo perchè dovrei essere tesa per una cosa del genere? Abbiamo affrontato muso a muso un Demone! Questo non è nulla! Dobbiamo solo entrare, ridere e scherzare, bere un po e andarcene a casa, non è altro che una piccola pausa. Posso farcela.

No. Non posso farcela: neppure il tempo di girarmi verso l'ingresso mentre si discuteva con Kelen riguardo l'uso dell'anello illusorio, che Fevril spalanca l'entrata della locanda platealmente salutando i presenti e andando dritto per dritto a molestare l'elfa dietro al bancone...sposata tra l'altro.
Perchè sono sicura che se glielo facessi presente mi risponderebbe con un ''io non sono mica geloso!''? Mentre mi cruccio su questo dubbio e rifletto sul far finta di non conoscerlo, ci avviciniamo a nostra volta al bancone.
Una melodia.
Una melodia malinconica.
In un certo senso...quella melodia suscita emozioni molto simili alle canzoni che conosco io.

L'elfo che suona sembra non apprezzare alcuni dei commenti mossi da Kelensahe, frainteso probabilmente in ciò che intendeva, mentre Fevril era intento a fare il possibile per farsi odiare dall'oste e soprattutto farsi menare dal marito di quest'ultima.
Comunque, risolto il fraintendimento con il musicista, esso si presenta con il nome di Enahim kalassar, unendosi al nostro tavolo sotto invito di Fevril, l'anima di questa imbarazzante festa: L'elfo è una persona che non esiterei definire alla mano ed educato, seppur a volte...strano? Sì, direi che strano è la parola giusta, ma forse è semplicemente brillo. Perlomeno non è come gli altri elfi che ti guarda con aria di superiorità intrisa di arroganza .

Il cibo arriva, così come le bevande.

Gli altri insistono che io debba provare gli orecchini, ma ancora non sono convinta di volerlo fare: so che non agiscono in cattiva fede, non lo fanno per prendermi in giro, ma su di me so che quegli orecchini non starebbero bene. L'altra volta è stato un miracolo di Kelen a rendermi ciò che ero su quel palco, ma adesso? Pantaloni di un marrone spento e un anonima maglia grigia, degli stivali e la spada al fianco. Il classico da mettere sotto un'armatura: se aggiungiamo i miei capelli e il fatto di non essere truccata sembrerei un uomo con degli orecchini bellissimi, farei ridere. Dopo varie insistenze Thoron riesce a creare in pochi minuti un disegno bellissimo. Sono io con quegli orecchini. Continuava a sminuire il suo lavoro...ma quel ritratto era bellissimo. Mi hanno già dipinta con la mia famiglia, ma questo disegno oltre ad essere bellissimo è stato fatto non con l'intento di sfoggiare la propria bravura, o per guadagno personale nello status nobiliare...è stato fatto per rendermi felice e sicura di me stessa. E' stato fatto per aiutarmi. Sono questi piccoli gesti i più importanti, e terrò cura di questo disegno.

Mentre io provavo gli orecchini, arrossendo per via del fatto che stare al centro dell'attenzione per una cosa del genere non è un qualcosa a cui sono abituata, con una continua sensazione di essere fuori luogo, Enahim accompagnava la serata con una melodia di sottofondo usando la sua Cedra e partecipando alla conversazione: suonare e chiacchierare non dev'essere affatto facile. Parlando, si arriva non so ancora come alla decisione che io debba cantare nella locanda, con Enahim come accompagnamento musicale. Ancora una volta senza preparazione, ancora una volta dal nulla. E' incredibile come nessuno a questo tavolo sembri conoscere la parola 'imbarazzo'. Ma prima di cantare, scopriamo un altro fatto: l'elfo con cui stiamo parlando si sposerà a breve. Il modo in cui parla della sua amata, per quanto breve, mostra l'enorme affetto che prova per lei. Decisamente una ventata d'aria fresca dai soliti discorsi di Kelen e Fevril su quanto non vedano l'ora di spendere denaro nei bordelli.

Tagliando il discorso, Enahim mi esorta ancora una volta a cantare: dobbiamo attirare l'attenzione, e per quanto sia imbarazzante farlo senza preparazione in mezzo a vari sconosciuti che chissà come potrebbero reagire, cantare mi piace. Rischiarando la mia gola e cercando di calmarmi, decido che unire l'utile al dilettevole può essere un ottimo motivo per superare l'ansia, ed inizio a cantare. L' accompagnamento di Enahim è magnifico, il suo talento è sicuramente senza pari....tuttavia la sua voce, stonando, è andata talmente tanto fuori tempo da sviare anche me e Kelensahe, portando ad un effetto disastroso.

Voglio diventare una piccolo insetto per essere invisibile all'occhio di tutti e sparire via verso una destinazione sconosciuta. Una piccola formichina per nascondermi tra le assi in legno del pavimento, magari.

La conversazione intanto va avanti, parlando del più e del meno, quando improvvisamente entra un tizio con un'arroganza incredibile.
L'uomo si scopre essere il padre di Enahim, ma al contrario di lui è altezzoso, arrogante, offensivo e soprattutto maleducato, inelegante e chiassoso; il che è alquanto assurdo dato che proprio lui ha sottolineato più volte la parola educazione. Avrei una parola per dei tizi come lui, ma al contrario suo sono educ- sì, ok, va bene, è uno stronzo di prima categoria.
Insulta e offende tutti dall'alto del suo essere uno stronzo, umilia il figlio obbligandolo con la forza a fare ciò che non vuole, come se non fosse altro che un oggetto, teletrasportandolo via da lì.

La serata da lì in poi non ha molte novità: Kelen beve il suo infuso, Thoron disquisisce riguardo l'arte dell'intaglio del legno, Vindyel cerca di non attirare l'attenzione, io bevo ancora qualcosina mentre ammiro il disegno di Thoron e Fevril continua a sbronzarsi e a molestare la camerierà irritandola sempre di più.

Arriva il momento di andare via: Kelen e Thoron vanno a fare un sopralluogo sul tragitto del giorno successivo, mentre io e un barcollante Fevril ci dirigiamo verso casa di Vindyel insieme al proprietario. Sarebbe superfluo forse aggiungere che Fevril ha cantato canzoni riguardante attività sessuali esplicite sia consensuali che non...e questo è qualcosa che...non so neppure cosa dire. Che poi: solo canzoni riguardanti il sesso? In mezzo alla strada tra l'altro? Spero di raggiungere casa di Vindyel il prima possibile.
caro diario: AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
Post Reply