[Recap 14/06/2020] Piccoli progressi nel Labirinto delle Gioie

Discussioni inerenti la Squadra 1 (sq1). La Squadra Storica è composta in larga parte dai giocatori più anziani di VK.NET ed è quella che contribuisce maggiormente alla progressione della storia di Seràl.

Moderator: Ninja

Post Reply
Akuman
Postatore LV8
Posts: 359
Joined: 23.06.2008 12:32

[Recap 14/06/2020] Piccoli progressi nel Labirinto delle Gioie

Post by Akuman » 21.06.2020 15:53

Dal corpo della creatura di fronte a noi spunta fuori un punto luminoso cangiante fra il rosso e il viola.
Si presenta come il Padrone di questo luogo, colui che stavamo cercando.
Si complimenta con noi per essere una buona fonte di divertimento e ci assicura che lo intratterremo per l'eternità.
Tuttavia, è infastidito dall'aver perso la sua servitrice (Soiv), per questo motivo decide che uno di noi dovrà sparire.
La scelta - purtroppo - ricade su Omnie, che viene inghiottita da un Portale apparso ai suoi piedi, in maniera del tutto simile ad Ao'th.
La creatura oscura sparisce, lasciando il corpo del ragazzino cadere a terra.
Gwinne è estremamente scioccata dalla perdita della sua maestra, e ci mette del tempo a recuperare il suo spirito.

Intanto, Folko cerca di far rinvenire il ragazzo, sperando che ora possa aiutarli.
Sospel controlla lo specchio, trovando una scritta: "Caro [non si legge], Che Lei ti accompagni nella tua liberazione." Firmato "O'th'ra'n D'za D'oryen".
Lo Specchio viene identificato come uno Specchio del Passaggio, utilizzato prima dell'invenzione delle Camere di Passaggio.
L'Identificazione di Sospel ci fa scoprire inoltre le parole di attivazione dell'oggetto, ma tendiamo a non fidarci di nulla in questo luogo.
Chiediamo informazioni a Mimi, che afferma di non dover usare alcuna parola. Infatti, il ragazzo entra nello Specchio e prima che qualcuno di noi possa fermarlo, sparisce.
Spiazzati, discutiamo per qualche minuto su come proseguire, quando il ragazzo rientra nella stanza dalla porta.
Gli chiediamo come ci è riuscito, ottenendone soltanto una serie di affermazioni sconclusionate. Gwinne infine tenta di dare uno schiaffo al ragazzo, scoprendo che è immateriale. Il ragazzo si congeda affermando che il Padrone pensa che siamo molto divertenti.

Persa anche l'unica possibilità di ottenere informazioni, Folko cerca di Comunicare con i cadaveri del Prete e della Donna sconfitti poco prima e tornati umani.
Il Prete non risponde alla chiamata, mentre la Donna non fa altro che recitare la stessa canzone cantata durante il combattimento:

"Salima la Bella... Vendeva fiori al mercato...
nessuno comprava i suoi fiori.... nè dentro... nè fuori.... agli occhi di tutti.... megera lei era...
lei voleva solo dare amore... concedendo a tutti il suo fiore...
ma l'odio per lei... infiniti guai causò...
Salime voleva...
il suo cuore gemeva...
l'amore vendeva...
una carezza voleva...
l'amore di -----------
per lei mai più....
la sua gioia nel cuore....
gli occhi nel furore....
Salima felice....la furia divoratrice...
con gli occhi nel pianto...infine affranta scatenò....
Salima la Furia...
Vendetta voleva...
Non amore vendeva...ma tradimento vendicò.

Ancora una volta il nome della persona viene nascosto, probabilmente non lo scopriremo mai.
Senza altre alternative, decidiamo di scassinare la porta dello Studio. Lucas riesce a farlo, anche se la serratura si dimostra più complicata delle altre.
Non appena abbassiamo la maniglia le solite braccia spettrali appaiono dalla porta stessa, ma riusciamo a non farci prendere.
Spingiamo la porta per aprirla e un'ombra ne esce all'improvviso, emettendo un aura di pura paura.
Il combattimento è estremamente breve, in quanto la creatura riesce ad infliggere puro Terrore su ognuno di noi e rientra rapidamente dentro lo Studio.
Non sembra intenzionata ad ucciderci, ma semplicemente a proteggere lo Studio.

Torniamo nella sala dello Specchio. Sospel rivela che le parole da dire per attivarlo sono "Sono pronto a essere Libero". La riconosciamo come una delle frasi tipiche dei Preti di Fais.
Il gruppo è diviso su come procedere.
Folko è estremamente contrario ad usare lo Specchio senza sapere dove porterà, mentre altri vorrebbero usarlo.
Abbiamo la possibilità di tornaren nello Studio e riprovare a sconfiggere la creatura che lo protegge, oppure aprire altre stanze.
Gwinne ha inoltre la possibilità di fare un Glifo per scoprire dove lo Specchio ci porterà, ma le richiederebbe svariate ore.
Gwinne lancia una Identificazione sullo Specchio, e non sulla cornice come fatto da Sospel.
Questo le rivela che lo Specchio ci condurrà al "luogo dove si trova il proprio amore".
Queste parole estremamente enigmatiche ci fanno propendere per non usare lo Specchio, e provare ad ottenere ulteriori informazioni nelle altre stanze.
Asu sono Fedragon !

Post Reply