[17-18/05/2020] Scontro con Ostrakathan il Gigante e preparazioni per la Casa degli Elementali

Discussioni inerenti la Squadra 1 (sq1). La Squadra Storica è composta in larga parte dai giocatori più anziani di VK.NET ed è quella che contribuisce maggiormente alla progressione della storia di Seràl.

Moderator: Ninja

Post Reply
Akuman
Postatore LV8
Posts: 357
Joined: 23.06.2008 12:32

[17-18/05/2020] Scontro con Ostrakathan il Gigante e preparazioni per la Casa degli Elementali

Post by Akuman » 18.05.2020 21:16

Prendiamo i cavalli e avanziamo verso il Passo.
Troviamo delle tracce abbastanza confuse, probabilmente di Ostrakathan, l'Orco Gigante che stiamo cercando, ma non riusciamo bene a capire in che direzione vadano, probabilmente passa spesso per questo punto, avanti e indietro.
Entriamo nel passo avanzando fino ad arrivare ad un vicolo cieco, una caverna fatta crollare tanto tempo fa.
L'unica via per avanzare sembra essere scendere sotto lungo la sponda del fiume (ormai un misero rigagnolo) che passa attraverso il Passo.
Scendiamo, rimpiendoci di fango e potendo camminare solo molto lentamente, e risaliamo sull'altro lato del fiume.
Qui troviamo delle tracce, ma sembrano molto vecchie, probabilmente gli Orchi non passano su questo lato del fiume da molto tempo.
Cala il sole e decidiamo di accamparci. La notte fortunatamente è priva di emozioni particolari.

Una volta svegli sentiamo rumore di Garwarg galoppare verso di noi.
Ci nascondiamo e tendiamo loro una trappola, ma non si avvicinano e continuano a galoppare sul letto del fiume.
Fischiano diverse volte. Probabilmente ci hanno visto e hanno avvisato i loro compagni, ma non si fermano a darci battagia.
Dopo varie discussioni decidiamo di seguire le loro tracce, è possibile che il covo dell'Orco Gigante che stiamo cercando sia fuori dal Passo.
Arriviamo in una zona a sud-ovest del Passo con numerose colline, dove Lucas riesce a vedere delle sentinelle.
Vediamo un altro gruppetto di Orchi cavalcare in direzione del Passo. Anche questi ci vedono, fischiano svariate volte, ma non si fermano a combatterci.
Decidiamo di essere stanchi di nasconderci, così - vista l'impossibiltà di attraversare questa zona non visti - decidiamo di tornare verso il Passo.
Lungo la strada veniamo incrociati ad un'altra pattuglia di Orchi, della quale ci sbarazziamo rapidamente.
Torniamo al Passo e questa volta avanziamo lungo il vecchio letto del fiume, completamente impastato di fango dalle recenti piogge.
Avanziamo finchè veniamo raggiunti dall'ennesimo fischio. Avvistiamo una sentinella che viene spaventata da due Elementali d'Aria di Folko che non riescono ad ucciderla.

Presto sentiamo rumori di Garwarg galoppare verso di noi. Ne scorgiamo almeno 6, e alle loro spalle un Orco dalle dimensioni monumentali che brandisce una clava e un'ascia con al suo fianco altri 3 Orchi di cui due armati di Scudo e uno con un grosso Zaino.
Abbiamo poco tempo per prepararci, così Folko evocare due Elementali di Astra (di cui un Sirindal), Sospel crea una piattaforma alta 3 metri e larga 4x4 su cui poter combattere liberamente sopra la fanghiglia che ci impedirebbe di muoverci come vogliamo, Rrawia e Lucas caricano vari veleni sulle proprie armi.

Lo scontro si dimostra subito difficilissimo. Solo due Orchi riescono a raggiungere la piattaforma (saltando sui loro lupi), ma fortunatamente riusciamo a liberarcene in fretta.
Intanto Sospel si occupava di costruire Barriere per proteggere la piattaforma dai micidiali attacchi del Gigante (identificato come un Ettin) che continuava a distruggerle con un solo colpo.
Questo ci dava tempo di abbatere i restanti 4 Orchi che avevano trovato l'accesso alla piattaforma che Sospel aveva creato sul lato sud

Lo scontro sembrava andare bene, quando - dopo l'ennesimo colpo a sventrare l'ennesima Barriera di Sospel - l'Ettin si allontana dalla piattaforma e urla qualcosa ai tre Orchi rimasti indietro.
Di tutta risposta sentiamo un rumore già noto, quello del proiettile di un Cannone Troll appena lanciato.
Quando colpisce la piattaforma l'effetto è terribile. La piattaforma viene completamente disintegrata, e veniamo scagliati in ogni direzione a decine di metri di distanza fra noi.
Astrid e Lucas si ritrovano assieme contro 2 Garawarg, Rrawia invece si carica Sospel e riesce fortunatamente a raggiungere l'unica zona solida dove potersi muovere decentemente venendo aggredite anche loro da 2 Garawarg.
Folko, infine, si ritrova da solo col suo Sirindal (ormai martoriato dai colpi) contro gli ultimi 2 Garwarg.

Impossibilitati a collaborare con gli altri membri del gruppo, ogni 'gruppetto' deve cercare di sopravvivere come può.
Sospel incanta se stessa e Rrawia con Guscio, dando la possibilità alle due ragazze di potersi proteggere temporaneamente dai danni e usare le pozioni per rimarginare le ferite.
Astrid e Lucas usano delle pozioni per recuperare e sfruttano le loro abilità fisiche per dare battaglia ai due Lupi.
Folko invece sembra quello in condizioni peggiori, soprattuto quando l'Ettin decide di avvicinarsi proprio a lui e disintegrare il suo Sirindal.
Privo di protezioni e solo contro 3 nemici la situazione sembra disperata per il Prete, quando Lucas riesce ad attaccare il Gigante infliggendogli gravi danni e attirando la sua attenzione.
Un secondo colpo di Cannone Troll va a colpire Astrid e Lucas che vengono ancora scaravetati a terra.

Rrawia e Sospel sono le prime a riuscire a liberarsi dei propri Lupi, e decidono di correre verso il Troll Incursore per eliminare il problema del Cannone.
Folko impiega qualche istante di più e utilizzando una potente combinazione di Incantesimi di Cura, Ira Divina ed Evocando due possenti Elementali di Fuoco riesci a sopravvivere e liberarsi dei suoi due Lupi.
I due Elementali di Fuoco vengono poi mandati a contrastare i due Orchi Guardiani che avevano cominciato ad avvicinarsi a Rrawia e Sospel, permettendo alle due di avvicinarsi al Cannone e uccidere rapidamente il Troll Incursore.
Astrid e Lucas riescono miracolosamente a sopravvivere agli attacchi combinati di due Lupi e l'Ettin, e grazie a dei grandissimi colpi del Balestriere e un Incantesimo di Ira Divina di Folko la spaventosa bestia cade al suolo, martoriata dai colpi.

Il gruppo decide di convergere verso Rrawia e Sospel, eliminando rapidamente i restanti due Orchi Guardiani e avvicinandosi alle due ragazze.
Il gruppo si guarda attorno, aspettandosi altri nemici, ma la situazione ora è di silenzio totale.
Il Cannone giace ai loro piedi, integro.
E' un ritrovamento rivoluzionario per l'esercito, così il gruppo decide rapidamente di smontare il Cannone, prendere le teste e l'arma dell'Ettin, le loro orecchie, caricare i cavalli e tornare a Forte Valore in tutta fretta, mentre gli Elementali di Fuoco si occupavano di bruciare i cadaveri.

Al Forte veniamo accolti nella tenda ufficiali dal Tenente Kormar, del IV Corpo Esploratori. Lo informiamo della taglia conclusa con successo e del ritrovamento del Cannone.
Il Tenente chiama in tutta fretta il suo Comandante, il quale a sua volta - una volta accertatosi del ritrovamento - manda a chiamare il Comandante Abel.
Anche il Comandante si dimostra entusiasta del ritrovamento, ringraziandoci a nome del Regno di Aaram e mandando immediatamente il Cannone a Prasia sotto scorta armata per essere esaminato da Wyla.
L'Ufficiale ci timbra la taglia e si unisce ai ringraziamenti del Comandante.

Torniamo in città, alla nostra Locanda, nel tardo pomeriggio.
Dopo un lungo bagno ci incontriamo per cena nella sala comune, dove Folko informa il gruppo di avere trovato una Pozione di Recupero Mentale nella sua stanza, pagamento di Joanna per l'accordo preso.
Rrawia porterà il Medaglione a Kia stasera stessa, dovendo già andarci per impegni suoi.

[Gusto time]
L'indomani (8 Nov) lo dedichiamo al riposo e all'informarci su cosa ci attenderà nella Casa degli Elementali dove dovremo andare.
"La Casa apparteneva a un prete malvagio. Lì viveva la sua famiglia, mentre lui era in viaggio per ordire le trame di Fais contrariamente ai dettami di Fais, non si era liberato dei suoi legami e lì proteggeva la sua famiglia usando gli stessi poteri di Fais contro di lei.
La vendetta della Dama Senza Volto fu crudele: un Demone Invisibile cercò di uccidere la famiglia del Prete davanti a lui ma leggenda vuole che grazie a un potere sconosciuto assurse al ruolo di Demone anche lui sconfiggendo il Demone Invisibile la famiglia venne consumata dal potere del demone appena creato e lui ora è servitore di una non ben specificata Divinità Oscura
Restano nella casa le fedelissime evocazioni elementali create negli anni dal Prete che proteggono e servono quella casa, così come hanno sempre fatto
Elementali misteriosi e pericolosi si annidano tra quei muri e dovrebbe avere una vasta area sotterranea dove oscuri rituali venivano compiuti in nome della Dama Senza Volto."
Folko prega inoltre per il perdono dell'aver lasciato che il Sirindal venisse sconfitto e chiede il supporto di Jalaum nella prossima missione.

Folko, Rrawia e Astrid successivamente vanno a trovare Ao'th.
Il Prete ne approfitta per consegnargli un regalo comprato svariati giorni prima al Mercato del Nero, un Set da Ba'ak Truccato. Lo Zoroin sembra apprezzare immensamente.
Proponiamo ad Ao'th di accompagnarci nella missione di esplorazione della Casa degli Elementali. Inizialmente riluttante, lo Zoroin cambia idea quando gli diciamo che qualsiasi cosa potremo trovare all'interno sarà nostra.
Folko è inammovibile sul fatto che qualsiasi Artefatto o Oggetto Consacrato a qualsiasi Divinità Malvagia dovrà essere o distrutto o consegnato al Tempio di Jalaum. Dopo essersi scontrato sulle possibilità di distruggere oggetti simili, il gruppo accetta di portarli al Tempio.
Ao'th propone di chiedere consiglio ad El'belith, la "Vestale di Marel" già vista durante la festa. Folko è inizialmente contrario, ma accetta la cosa a condizione che ne lei ne nessuno dei suoi uomini accompagnerà il gruppo in missione.
La seconda proposta riguarda Joanna. La concreta possibilità che la Casa ospiti un Demone spaventa il gruppo, e Ao'th propone di constrastarlo con un potere simile: il Demone contenuto nella Sciabola Arvathi di Joanna.
E' solo ora che Rrawia svela al gruppo alcune cose scoperte nella Casa dei Piaceri. Il Demone di Joanna è un mostro sadico e terrificante, ed è meglio non averci niente a che fare. A giudizio di Rrawia, Joanna e il suo Demone hanno una sorta di patto. Il Demone vuole che la Sciabola venga usata il più possibile, per potersi nutrire, mentre Joanna cerca di ostacolarlo il più possibile, rifiutandosi.
Astrid commenta che probabilmente è il Demone che ha causato una grossa ferita sul corpo di Joanna, che ha visto durante la cena.
Rrawia si dice sicura di non essere sotto l'influenza del Demone, nè del fatto che esso sia un pericolo per le dipendenti e i clienti, ma solo per Joanna.
Il gruppo rimane abbastanza scettico sulla cosa e infastidito dal fatto che Rrawia si sia tenuta queste informazioni per se fino a questo momento.

Usciamo da casa di Li'qaj e andiamo a trovare Gwinne. Rrawia e Astrid riescono a convincerla a venire con noi, puntando sulla sua voglia di eliminare un luogo così pericoloso. Gwinne si ripropone di informarsi e studiare tutto il necessario per essere utile, e consiglia di dire a Sospel di essere pronta a poter contrastare la Magia ed Espellere le creature evocate presenti nella Casa.
Andiamo anche a disturbare il Maestro Odonka, vista la sua conoscenza dell'argomento. Veniamo accolti dal figlio, che viene rapidamente messo da parte dal padre.
Odonka riconosce immediatamente la Casa degli Elementali e ci legge un passo tratto da un libro di Wirkam Otosis, un potente Mago Egban che passò per il villaggio di Enfas circa 32 anni fa.

"Questi sono i diari di viaggio di Wirkam Otosis, un grande mago Egban.
Mi sono recato nel villaggio di Enfas, un luogo tranquillo, pacifico, nel bosco di Oltrepasso. Ho dormito li per un paio di notti, cercando funghi di Recello per la mia pozione. Tuttavia, ho notato che tutti i residenti si inchinavano letteralmente di fronte a una casetta piuttosto anonima vicino alla piazza. Apparivano deferenti, e parlavano tutti del Benefattore. Ci sono passato davanti. Una piccola casetta su due piani. Un bel giardino. Un sentiero di ciottoli, un piccolo cancello. Una tranquilla casetta in stile campagnolo, come tante. Ogni mattina, una Haooua veniva a falciare l'erba, uscendo dalla casa. Un piccolo elementale di pietra controllava il selciato e faceva piccole riparazioni. Un elementale di calore asciugava i panni stesi dall'Haooua.
Ho pensato che il Benefattore fosse un collega. Ma in due giorni non ho visto anima viva. Sono andato a bussare, per conoscere potenzialmente un collega.
Mi ha aperto la Haooua, che mi ha trattato con grande freddezza e dicendo che il Padrone non era in casa. Alle mie domande ha risposto in maniera evasiva, sostanzialmente liberandosi di me. Ho quindi deciso di compiere una esplorazione notturna, ma scrivendo queste pagine mi pento di averlo fatto. Quando ho varcato il cancello, una nebbia nera si è addensata di fronte a me, e un elementale di nebbia si è solidificato di fronte a me. Mi ha aggredito immediatamente. Ogni volta che mi trapassava, diventava sempre più rosso, come se mi strappasse via il sangue. L'ho sconfitto solidificandolo con il potere del mio bastone, ma sono scappato quasi morto. Chiunque possa evocare elementali del genere non può essere semplicemente una persona riservata.
Chiunque viva lì, o sia vissuto lì, era od è malvagio e ha messo al frutto le sue conoscenze per il Male. Non oso pensare che segreti racchiuda quel luogo, ma sono sicuramente nefasti."

Odonka ne approfitta anche per ripassare al gruppo qualche nozione base di Elementalese, ossia la Rotazione Elementale: gli elementi sono accoppiati a due a due. Fuoco e Acqua. Aria e Terra. Sono vicendevolmente deboli quando ricevono danni dell'elemento opposto.vQuesto vale anche per Luce e Tenebra.
Inoltre, ogni elemento ha svariati gradi di intensità. Ad esempio, Sol è una forma avanzata di Luce. Una creatura che ha una resistenza normale alla Luce, verrà colpita con maggiore forza da Sol. Una creatura immune a Luce, non verrà scalfitta, ma la sua immunità può essere oltrepassata da Sol, che ha una intensità maggiore.
Anche Odonka si raccomanda di essere pronti a disperdere Incantesimi, Espellere ad eseguire attacchi contro i vari Elementi.
Odonka consiglia anche di portare Tanto Esplosivo per far saltare la Casa in aria.
Non siamo sicurissimi che far saltare la Casa in aria sia la soluzione giusta.
Folko è convinto che il piano dovrebbe essere di distruggere tutti i Glifi di Evocazione, ma facendo particolare attenzione a non distruggere qualsiasi oggetto nel quale un eventuale Demone potrebbe essere contenuto, per evitare di liberarlo.
Odonka si ripropone di parlare a Wyla e Gwinne l'indomani alla riunione dei Rettorati delle 3 Scuole di Magia di Prasia.
Chiediamo anche a Odonka un consiglio per un Incantatore competente per utilizzare le varie Gocce che abbiamo raccolto nei nostri viaggi: una di Tox, una di Non-Morte e una di Luna. Il Mago ci indirizza verso un suo collega.
La conversazione infine va a parare su un tale, Gustav Arcanis. Odonka rivela che ha provato più volte a farsi accreditare la scuola, ma è sempre stato rifiutato. Al momento è stato arrestato e in attesa di processo.
Restiamo spiazzati da questa informazione, consci che probabilmente è la cosa migliore per tutti, ma la cosa ci lascia un vago sentore amaro in bocca.

L'indomani (9 Nov) andiamo al Tribunale. L'Arbitro all'ingresso ci fornisce informazioni sulla situazione del Rettore: Gustav Arcanis, più propriamente Fedor Tantori, esercizio abusivo della professione arcana, truffa aggravata, esercizio abusivo della professione di insegnante, falsificazione di atti municipali.
Veniamo indirizzati verso l'Arbitro che sta seguendo il suo caso: Rocelius Wiss.
L'Arbitro Wiss è un Awelar alla mano, per gli standard degli Arbitri. Ci spiega rapidamente la situazine del suo assistito, al quale fondamentalmente non resta che chiedere l'infermità mentale.
Si dice sicuro di potergli evitare la galera, mettendo il patrimonio sotto custodia fiduciaria presso il tempio, e senza alcuna autorizzazione a eseguire alcuna professione.

Infine, giriamo per la città alla ricerca delle Basi necessarie per gli Incantamenti.

Per la Goccia di Tox, Rrawia acquista del Mythril Runtar per 5M, lo fa lavorare creando una Spada Corta per 3M e infine fa realizzare l'Incantamento per 11M, per 19M totali.
La Spada Corta che ne deriverà avrà LEN 4, 1d6+4, TP, 10% Proc Compromesso, Taglio/Tox, con la capacità di liquefare cadaveri.

Folko invece punta su un Anello di Repulsione da Non-Morte. Come materiale sceglie Petra, una creazione Runtar che permette di fare anelli molto solidi di pietra (2M). La forgiatura dell'anello da un orafo costerà 1M 5C, mentre per l'Incantamento se ne occuperà il Tempio di Marel (particolarmente portati nell'arte della Repulsione) per 3M, per un totale di 6M 5C.
L'Oggetto che ne deriverà avrà 25 UE a disposizione fra quelle di Radiare (Maestria).
[Io direi di farlo con: 2 turni (2 UE), 10m Diametro (10 UE), Causa la fuga di una creatura di livello E+13x5 basata su Conoscenza, infliggendo 13d5 danni altrimenti (13 UE).]

Per quello di Luna dobbiamo decidere fra:

- Resistenza a Luna per 1 persona (quindi Immunità a Tenebra)
- +10 a check RM Luna per tutto il gruppo (cosa avrebbe su Tenebra invece ?)
- Arma simile a quella di Rrawia, ma che procca Accecato invece che Compromesso
- Trasformazione in ombra per operazioni stealth ?
Asu sono Fedragon !

Post Reply