Recap 437 [06/12/2017-30/12/2017] - Il nostro nemico è Tony Stark ?

Discussioni riguardanti la Squadra 8.

Moderator: Buzz Zeal The Power Lord

Akuman
Postatore LV8
Posts: 330
Joined: 23.06.2008 12:32

Recap 437 [06/12/2017-30/12/2017] - Il nostro nemico è Tony Stark ?

Postby Akuman » 03.12.2017 13:07

Non essendo riuscito ad azzoppare la guardia in fuga (colpa di un Check fallito e quindi senza ombra di dubbio di Kelen) abbiamo deciso di concentrarsi sullo sfoltire il più possibile le fila nemiche consci che i rinforzi sarebbero arrivati presto.
Non era passato molto tempo quando abbiamo sentito un forte rumore metallico a intervalli regolari avvicinarsi. Tutto potevamo pensare, tranne che il loro rinforzo fosse un'unica persona, ma protetta da un’armatura meccanizzata e armata di una mazza dall’aria pesante.
Avendo già abbattuto (o azzoppato, o fatto svenire) la carne da macello ci siamo precipitati verso il nuovo arrivato accerchiandolo, sicuri che la nostra superiorità numerica avrebbe avuto la meglio.
Lo scontro procedeva come previsto, pur protetto dall’imponente armatura che riusciva ad annullare molti dei nostri attacchi, il bestione cominciava a borbottare qualcosa da sotto l’elmo, segno che le cose non gli stavano andando tanto bene.
Intanto, Anadel, Kelen e Joseph continuavano ad attaccarlo in mischia, mentre Fevril e Thoron cercavano di piantargli delle frecce in punti sensibili in modo da fargli cadere l’arma.
Purtroppo, dopo un colpo sfortunato, Anaden si è ritrovata con una gamba spezzata. A terra e impossibilitata a continuare, non abbiamo dovuto attendere molto prima che un colpo simile andò a prendere Kelen, facendolo svenire.
Vista l’emergenza la situazione, Fevril decise di sacrificare una delle sue fialette.
Legata ad una delle sue frecce e scagliata verso il viso del nemico, non ci è voluto molto prima che il liquido scioglimetalli in essa contenuta facesse un sul boccone dell’elmo nemico e sfregiasse orribilmente il viso del bestione facendolo urlare di dolore e infine svenire.
Neanche il tempo di correre ad aiutare i caduti che l’armatura meccanizzata – probabilmente intaccata dallo stesso acido – è esplosa, investendoci completamente e facendoci svenire.

Ci siamo risvegliati su una spiaggia rocciosa, dove un Brunek ansimante ci ha spiegato la situazione.
Uno per uno siamo stati trasportati di peso fuori dalle fogne, tuttavia non ha fatto in tempo a prendere anche Joseph prima che l’area dello scontro venisse invasa dagli amici di quelli che abbiamo appena abbattuto, azzoppato e sfregiato con l’acido.
Non volendo incontrarli, ha preferito lasciarli là. Mi è sembrata una motivazione valida.
Brunek ci informa che passerà la giornata cercando di capire chi è l’inventore di quella maledetta armatura per poter imbastire un piano per liberare Joseph e ci dà appuntamento di sera al solito posto per scambiare informazioni.
Torniamo in locanda, aiutando Anaden a camminare e – vista la stanchezza e la mancanza di sonno - collassiamo a letto poco dopo.
Ci risvegliamo verso mezzogiorno e dopo un veloce pranzo/colazione (avremo mica inventato il brunch ?) ognuno esce per farsi gli affari suoi per prepararsi al prossimo scontro.
Kelen va a cercare informazioni mentre Fevril va dall’Erborista di fiducia per comprare vari componenti.
Tornato in locanda, Kelen ci informa di avere il nome di un tale Mudan, un esperto di microtecnologia con un laboratorio nella zona sud-ovest della città. Lavora per un Tecnico, ma pare sia impossibile scoprire quale. Supponiamo che Joseph sia stato portato nel suo laboratorio.
Dopo aver scartato la possibilità di cambiare locanda (sarebbe inutile, attireremmo inutilmente l’attenzione e Anaden non è in condizioni di muoversi) decidiamo quindi di aspettare qualche ora per incontrare Brunek e organizzare il piano per liberare Joseph.
Intanto Fevril gioca al piccolo chimico e impasta una pomata lenitiva con le erbe comprate in erboristeria per aiutare la donna a riprendersi più velocemente.

Dopo qualche ora, mentre ci stavamo preparando per incontrare Brunek, bussano alla porta.
Dopo qualche attimo di titubanza ed esserci preparati in caso di attacco, apriamo.
E’ Joseph, che ci informa di aver fatto una cazzata.
La cosa non promette bene.
Joseph ci spiega di essere stato portato a casa di questo Mudan, il quale gli ha proposto un patto che lui ovviamente ha immediatamente accettato per non venire ucciso male male.
Intanto gli ha consegnato 10 Miria (e già qui vedo la volontà di resistere volare fuori dalla finestra), dopodichè gli ha infilato un anello al dito (per controllarlo, chissà quale diavoleria ci ha infilato là dentro) e gli ha consegnato un bauletto da far avere alla persona che ci ha assoldato.
Osserviamo attentamente sia l’anello che il bauletto, non riuscendo a capirci niente.
Dopo una veloce discussione su cosa fare decidiamo di riferire il tutto a Brunek, senza però ancora consegnargli il bauletto.
Saprà lui cosa fare.
Asu sono Fedragon !

Return to “Squadra 8”

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 4 guests