[Recap 19/12/12] Xima e i cristalli - Ritorni inaspettati

Discussioni inerenti la squadra 5.

Moderator: Asuryan

User avatar
Korhalias
Il Signor Porno
Posts: 1645
Joined: 08.10.2001 1:00
Location: Brescia

[Recap 19/12/12] Xima e i cristalli - Ritorni inaspettati

Postby Korhalias » 09.01.2013 20:20

Recap veloce e bau:

Mentre chiacchieriamo sentiamo dei passi avvicinarsi a noi dall'ingresso principale delle caverne, è Xima in carne e ossa che si riunisce a noi.
Dopo il chiaro sbigottimento iniziale, dato che non eravamo stati in grado di compiere il rito per la sua resurrezione, scopriamo che l'Anziana Madre è intervenuta grazie ai suoi poteri e probabilmente al suo sangue che abbiamo nel nostro corpo. A quanto dice Xima, il drago ha parecchi poteri in questo luogo e quindi può permettersi anche di fare cose del genere.
L'ithiana appare però con alcune scaglie sulla pelle e con gli occhi gialli e le pupille verticali come un anfibio, anche se dice di non sentire alcuna differenza.
Posticipiamo la discussione su cosa sia opportuno fare, dato che al momento ci preme uscire vivi da qui e non dare il via a litigi e discussioni che non ci aiuterebbero, soprattutto data la presenza del demone di Ajael che potrebbe avvertire i dissapori tra noi.
La resurrezione di Xima resta comunque un nodo da sciogliere sicuramente prima di tornare nella dimensione di Seràl, dove dobbiamo sottostare alle regole degli dei che ci osservano, anche se il patto crollato ha tolto loro il monopolio in certi ambiti.

Il tizio di cristallo e i suoi amichetti ci fanno strada lungo il tunnel centrale e ci dicono di non sapere cosa ci sia negli altri due.
Man mano che avanziamo, i cristalli di sale che compongono la grotta stessa si fanno di dimensioni via via crescenti, ma ancora non risultano avere le proprietà magiche di ricreare i ricordi di qualcuno come ci ha detto la creatura di sale di Korhalias all'ingresso.
Raggiungiamo una grotta al cui centro spuntano tre grossi cristalli di circa un metro di altezza che risultano avere qualche misterioso turbinio violaceo al loro interno.
Udiamo alcune parole in lingua Zoroin che comprende solo Hallvarth che a quanto pare è anche il destinatario di quelle imprecazioni. Come suo solito non la prende affatto sul personale e comincia a ribattere con altre frasi simpatiche, ma dai cristalli fuoriesce una specie di aura di energia che dopo poco porta dietro di sè la polvere di sale di cui sono composti che danno realmente vita a tre zoroin che assumono rapidamente le dimensioni di persone in carne e ossa.
Insultano Hallvarth e lo colpiscono con una frusta anch'essa di sale e il nostro compagno che non vuole cedere alle provocazioni cade vittima di qualche tipo di controllo mentale.
Gli viene ordinato di colpire qualcuno di noi, reagiamo rapidamente facendo muovere all'istante il cerchietto di immunità dal controllo sulla sua testa, liberandolo dagli influssi negativi dei suoi ricordi.
Mi rendo subito conto di non averlo aiutato affatto con questo gesto, visto che ci era stato suggerito di affrontare i nostri ricordi e non aggirare il loro potere, ma Hallvarth, sicuramente preoccupato dalla possibilità di attaccare qualcuno di noi non si fida della propria forza di volontà e lascia che i tre zoroin scompaiano, tornando nei cristalli da cui si sono materializzati.
Osservando le formazioni saline, risultano nuovamente cariche di energia magica ma senza l'influsso malvagio che le caratterizzava prima.

Gli elementali di sale ci dicono che nel labirinto sotterraneo ci sono due dozzine di concrezioni simili a queste, incluse quelle più grandi (circa 4m) che sappiamo essere state usate dal demone per 8 volte per altrettante copie di sè che al momento girovagano nei tunnel. Speriamo che non siano in contatto con l'originale, altrimenti addio sorpresa.

Possiamo teorizzare che la presenza o il passaggio del demone di Ajael abbia in qualche modo influenzato l'energia magica naturalmente presente in questo luogo, andando a rendere i ricordi ancora più vendicativi di quello che normalmente possono essere. Una volta materializzati perdono il loro lato malvagio e tornano ad avere proprietà che variano a seconda del soggetto con cui interagiscono, forse addirittura capaci di essere manipolati volontariamente da qualcuno.
Per testare la possibilità di 'creare' dei ricordi, poggio le mie mani sul cristallo e cerco di riportare alla memoria un amico di tanti viaggi, ma mi rendo conto che il cerchio che porto in testa non solo protegge me, ma impedisce anche all'energia magica di interagire con i miei ricordi.
L'idea di muovermi qui dentro senza una protezione del genere non mi lascia tranquillo, ma per stabilire cosa possiamo ottenere dai cristalli decido di levarmelo e mi concentro.
Sembra realmente che qualcosa stia funzionando, apparirà davvero quello che mi aspetto?

Return to “Squadra 5”

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 3 guests